Blog

“I fumetti e i romanzi grafici fanno parte degli strumenti di ogni insegnante.”

Gene Luen Yang

Perché i fumetti possono essere considerati uno strumento educativo? Quale potenziale nascondono tra le loro pagine? A fornircene una riposta è Gene Luen Yang, autore di fumetti, famoso in tutto il mondo, vincitore di numerosi premi nonché della nomina di Ambasciatore della letteratura per ragazzi. Fin dall’inizio della sua carriera di insegnante si è prodigato per introdurre i fumetti nelle scuole, sottilizzando con foga e fervore il loro potenziale educativo, individuando ben cinque caratteristiche che rendono i fumetti degli strumenti eccellenti per lo sviluppo dei giovani. Vediamoli insieme!

gene_luen_yang_tunué
Gene Luen Yang

1) I fumetti sono motivanti

I bambini hanno una naturale attrazione per i fumetti. Secondo Gene Yang, invitando i fumetti nelle loro aule, gli educatori possono approfittare del “fantastico potere motivante dei fumetti” per motivare i loro studenti nello studio.

2) I fumetti hanno un “potenziale visivo”

Il fumetto, essendo composto da “immagini pittoriche e non”  è un mezzo fondamentalmente visivo. Un presupposto implicito nella maggior parte dell’istruzione scolastica è che tutti i bambini leggeranno il materiale stampato con uguale efficacia. Tale assunzione è errata ma non che gli allievi traggono vantaggio dai mezzi di comunicazione visiva. Per tale ragione, secondo Gene Yang, nella lotta per coinvolgere gli studenti di tutte le inclinazioni di apprendimento, il fumetto può rivelarsi uno strumento formidabile.

3) I fumetti sono permanenti

Il ritmo di trasmissione delle informazioni è completamente determinato dal lettore. In contesti educativi, questa “permanenza visiva” pone saldamente il controllo sul ritmo dell’educazione nelle mani, e negli occhi, dello studente. L’oratore ha il controllo primario sulla velocità della lezione.

4) I fumetti come intermediario

Gene Yang spiega come il fumetto può servire come passo intermedio verso discipline e concetti difficili. Oltre alla lettura e alla scrittura, i progetti basati sui fumetti possono sviluppare capacità di disegno, di computer e di ricerca. Molte delle competenze utilizzate nella creazione di fumetti possono essere applicate alla realizzazione di film, all’illustrazione e persino al web design.

5) I fumetti sono popolari

Gli insegnanti possono introdurre la cultura popolare nelle loro classi in modo semplice ed efficace attraverso i fumetti. Di fatto, i fumetti sono stati una parte vitale della cultura popolare americana per tutto il secolo scorso. Inoltre, l’inclusione dei media popolari promuove l’alfabetizzazione mediatica, incoraggia gli studenti a “diventare consumatori critici dei messaggi mediatici”, sviluppandone la capacità di valutare con sguardo critico il contenuto dei media, la qualità e l’accuratezza dei contenuti.

Per approfondire ulteriormente: https://geneyang.com/comicsedu/strengths.html

Leggi anche: