7,99

La memoria delle tartarughe marine (PDF) | Simona Binni

Per chi ha amato Terraferma e Fuocoammare e si chiede se sia meglio
il rischio di cambiare la propria vita o lasciare tutto com’è,
Simona Binni racconta la migrazione attraverso la metafora delle tartarughe marine.

Due fratelli, un’isola, delle scelte da compiere…
Giacomo e Davide sono fratelli
e sono cresciuti a Lampedusa, un’isola che per Giacomo stringe come una gabbia lasciando fuori il mondo che resta in disparte, e che per Davide è la casa da cui è impossibile prescindere.
Giacomo, ormai adulto, la abbandona per Milano: il lavoro in banca e le luci al neon dei locali notturni… È però risentito per la testardaggine del fratello, che invece resta e si dedica anima e corpo allo studio delle tartarughe marine, capaci di tornare nel luogo in cui sono nate anche dopo vent’anni di lontananza. Quando Davide muore all’improvviso, Giacomo è costretto a rivedere l’isola, dove lo aspettano una vecchia barca, una donna, un pescatore e un bambino straniero salvato dal mare che, insieme a un mulinello di ricordi, lo spingeranno a ridefinire il senso della parola orizzonte.
Una storia di grande attualità, in cui il tema della fratellanza e delle radici investe quello, altrettanto complesso, della migrazione