Posted on

Tunué Sound | Gherd. La ragazza della nebbia

I mistici dell’occidente | Baustelle

Gherd. La ragazza della nebbia è legata indissolubilmente a questa canzone, tanto che per molto tempo il titolo provvisorio dell’opera è stato “I mistici della nebbia”. Proprio grazie alle suggestioni del testo e delle musiche nasce la nostra voglia di mettere su carta un mondo rude, una realtà in cui la violenza fa un po’ da padrona contro cui la protagonista tenderà ad opporsi.

Gherd è una guerriera, figlia del capo degli ammazzabestie e di una erborista dalla mentalità aperta, in lei vivono infatti agli antipodi queste due caratteristiche. Le righe più significative e legate al personaggio sono proprio: “cos’altro ti può servire se vai nel bosco? […] Tuo padre consiglierà il coltello contro tutti i guai, cos’altro se non il ferro ti salverà!?” [F&M]

Source | Fever The Ghost

È strettamente legata alla creazione della società dei Molkhog, credo di averla ascoltata in loop per ore mentre cercavo reference e creavo il loro mondo e la loro cultura. [F]

I’m Still Here | John Rzeznik

Il testo ripercorre molte delle fasi legati alla crescita, alla necessità e difficoltà di sentirsi capiti e accettati per come si è e non per come gli altri vorrebbero che tu fossi. La metafora sfocia anche nel nostro ambito professionale dove è difficile riuscire a muoversi e crescere senza arrendersi. Anche se parla di un ragazzo (boy) molte delle emozioni legate alla crescita sono assolutamente trasversali. Nulla a che vedere con l’adattamento italiano (che rimane a mio parere comunque la miglior canzone degli 883). [M]

Let’s go | Stuck in the Sound

Rispecchia  in qualche modo la vita di Gherd prima degli sconvolgimenti della trama, bloccata nel suo ruolo senza poter esprimere se stessa. [F]

Mayonaise | Smashing Pumpkins

Una canzone dal retrogusto molto adolescenziale che calza bene con quello che è lo spirito di Gherd, la sua voglia di essere nient’altro che se stessa e di poter fare qualcosa di concreto. Leggenda narra che per ogni ascolto di questo brano sia spuntato un brufolo a Francesca. [F&M]

Life On Mars? | David Bowie

Si può vivere senza vita su Marte? Comunque sarebbe sicuramente la canzone preferita da Atheis, l’ha senza dubbio canticchiata durante il lungo viaggio al fianco della sua amica. [F]

Unravel | TK from Ling Tosite Sigure

Come la maggior parte delle canzoni di origine giapponese rimane difficile districare in maniera chiara il senso associandolo a qualcosa, e qui si può fare, ma per questo mi limiterò a consigliarla per suggestione del titolo, che è comunque in inglese, e per la potenza della musica. [M]

The Wolf | di Siamés

Mi ha accompagnato nel disegnare le scene più dinamiche ed è la colonna sonora che risuonava nella mia testa mentre coloravo l’epico scontro finale. [F]

Dead End in Tokyo | Man with a Mission

Da la giusta carica per lavorare anche nei momenti in cui si è più stanchi e questa sicuramente sarebbe nella playlist di allenamento di Gherd se andasse in palestra. [F]

Little Busters | The Pillows

Sono convinto, come pensano anche molte delle persone intorno a me, di non essere mai veramente cresciuto nonostante la barba. [M]

Lover Boy | Phum Viphurit

Atheis la dedicherebbe per far colpo su qualcuno. [F]

Party Like It’s Your Birthday | Studio Killers

Bisogna sempre festeggiare come se fosse il proprio compleanno, anche quando si disegna 24/7! [F]

Disarm | Smashing Pumpkins

Non potevo evitare una seconda canzone degli Smashing, una delle mie preferite in assoluto. Su questa non dico altro che rischierei di fare spoiler… [M]

Take Me Home, Country Roads | John Denver

Rappresenta bene il mood finale di riconciliazione della storia. La voglia di Gherd di seguire la propria strada. [F]

Questa è stata più o meno la colonna sonora della lavorazione, sicuramente i pezzi più rappresentativi e più ascoltati.

Un altro buon accompagnamento sarebbero però le colonne sonore di Joe Hisaishi per lo studio Ghibli, che ben rappresentano molte atmosfere di questo fumetto, ma che abbiamo macinato in loop così tanto da non saperne i nomi brano per brano.