Blog

Tutti noi sogniamo l’amore, un amore dolce e tenero o un amore passionale, che ci sconvolge e ci porta a vivere emozioni mai provate prima. Se sei un sognatore o una sognatrice dall’animo romantico, la Tunué ti propone una #wishlist con i migliori graphic novel e libri che parlano d’amore!

Ma poi cos’è quest’amore di cui tutti parlano?

Questa è la domanda che riempie la mente di Viola, un’adolescente che sogna l’amore come tutte le sue coetanee ma che ancora non sa che cosa significhi amare e lasciarsi amare. Perché Viola non ama se stessa. Il suo corpo non è longilineo e magro come quello della sua migliore amica Valeria, ha qualche chilo di troppo e non si sente per nulla femminile. Non le piacciono i vestiti, le gonne, ma preferisce un paio di calzoni e una t-shirt. È piena di insicurezze e di dubbi ma allo steso tempo vorrebbe lasciarsi andare e dimenticare quel senso di inadeguatezza per essere diversa dagli altri.

Il suo mondo cambia bruscamente quando incontra Ireneo. Con lui, Viola scopre che l’amore non è il sentimento esclusivo che le avevano raccontato, ma una forza capace di liberarti e di aprirti al mondo, mentre ti mette in contatto con la parte più profonda e autentica di te.

Per sempre è una delicata e intensa storia d’amore adolescenziale, un libro sul rapporto genitori-figli, sulla sfida alle categorie sociali prestabilite e sul coraggio di diventare noi stessi.

Gli anni migliori è un graphic che prende vita in una piccola località della riviera toscana. Max e Saverio sono due adolescenti di sedici anni, senza pensieri, se non per le ragazze, che cercano di capire di più della vita. Sedici anni è un periodo complicato della vita, fatto di incertezze e di cambiamenti. È quell’età dove non si è più bambini ma nemmeno adulti, dove si commettono errori e si cerca di capire chi si è.

Questo è quello che cercano di fare i protagonisti della storia, due giovani alla ricerca dell’amore come Saverio, innamorato di Marisa, la moglie del vicino di casa che diventa un sogno proibito. Ad aiutare Saverio in questo percorso interviene un misterioso e vecchio pescatore, pronto ad ascoltare le sue storie e dargli consigli.

Gli anni migliori è una storia disincantata che prende vita nell’atmosfera degli anni ’70, un periodo storico particolare fatto di lotte operaie e delle prime rivendicazioni femminili. Gli anni migliori si presenta come una narrazione dove la storia narrante si confonde con la Storia italiana e con quella privata di ognuno di noi, portandoci a ripensare a quelli che per noi sono i migliori anni della nostra vita.

Che cos’è l’amore? È difficile trovare la risposta giusta ma, forse, l’amore è semplicemente un saluto con una persona cara, un gesto gentile che fa sorridere, una risata, parole scherzose. Forse non è così complicato. Forse fa parte della nostra quotidianità e nemmeno ce ne rendiamo conto.

Forse l’amore mette in scena la semplicità delle piccole cose: una giornata come le altre, iniziata con una sveglia, proseguita tra i banchi di scuola e terminata sullo scuolabus verso casa. E in questo lasso di tempo ci sono una ragazza e un ragazzo che, di lezione in lezione, di aula in aula, intrecciano i loro pensieri, si cercano e si sentono ricambiati.

Forse l’amore è un racconto delicato, intelligente, autentico, che si inserisce nella quotidianità di due adolescenti restituendoci con efficacia le loro riflessioni, le loro reazioni, i loro pensieri, il loro primo e timido approccio a nuove situazioni e nuovi sentimenti.

Giulio e Silvia sono due ragazzi romani che, pur abitando nella stessa identica via, non si sono mai incrociati prima ma che finiscono per incontrarsi proprio in facoltà. Vent’anni è un’età magica, dove non ci sono preoccupazioni per il futuro ma l’unica cosa che veramente importa è il vivere nel presente, forse concentrandosi troppo su se stessi e sui propri desideri, dove ogni esperienza è vitale e le emozioni talmente forti e uniche da risultare quasi soverchianti.

Giulio e Silvia provengono da due ambienti totalmente diversi, da due famiglie diametralmente opposte. Lui è cresciuto con due fratelli e genitori che stanno insieme da sempre, vive nel ricordo di amori infantili fatti di sguardi fugaci e imbarazzi; lei è figlia unica e costretta a vivere con una madre che non sopporta, ha varie storie tormentate alle spalle e si sente ormai incapace di legarsi a qualcuno.

Tra di loro nascerà un rapporto che va oltre l’amicizia e i due ragazzi vengono ben presto travolti da un amore passionale e altalenante come un altalena, impossibile da fermare e che stravolgerà le loro vite con la forza di uno tsunami.

Alla soglia dei quarant’anni, Walt Whitman abbozzò dodici poesie su un taccuino rilegato a mano che intitolò Live Oak, with Moss. Si tratta delle riflessioni intense e personali di Whitman sull’attrazione e sui sentimenti che provava per altri uomini e al contempo delle sue esplorazioni più avventurose sul tema dell’amore omosessuale.

Questo insieme di poesie rivoluzionarie, bellissime e appassionate non fu mai pubblicato dall’autore anzi, vennero scorporate dallo stesso Whitman nella sua opera Foglie d’erba del 1860, per nasconderle tra le pagine della sezione Calamus. Circa un secolo dopo, nel 1953, questi testi vennero scoperti, ma mai pubblicati. Brian Selznick ha deciso di illustrarli, per renderli noti al grande pubblico.

Così nasce La Quercia, un’opera di poesie e di immagini, un connubbio perfetto tra arte poetica e arte illustrativa il cui protagonista è l’amore omosessuale, tanto carnale quanto spirituale. Con La Quercia Brian Selznick risolve il dilemma della rappresentazione delle poesie, realizzando una serie di illustrazioni che non accompagnano e non spiegano il testo, ma che lo seguono e ne aggiungono significati e sfumature.

Se ti è piaciuta la nostra #wishlist corri subito a visitare il nostro shop!

DAI UN’OCCHIATA ALLE ALTRE #WISHLIST!