Torna dal 24 al 27 gennaio 2019 il Festival international de la bande dessinée d’Angoulême, quest’anno alla 46° edizione e sempre più meta di riferimento per il mondo del fumetto.

Anche per Tunué il Festival di Angoulême è diventato un appuntamento consueto, soprattutto alla luce della visibilità che la casa editrice sta acquistando nei mercati esteri. Oltre alla partecipazione a numerose fiere internazionali, tra cui la Fiera del Libro di Francoforte, Tunué ha da poco aperto le porte della redazione a sei delegati internazionali di altrettante case editrici straniere che hanno visitato la sede e conosciuto il catalogo, da sempre aperto alle contaminazioni e alle influenze estere.

Tunué ritorna dunque il Francia dopo un’edizione che ha visto protagonista La Saga di Grimr di Jérémie Moreau, vincitore, proprio ad Angoulême 2018, del prestigioso Fauve d’Or .

Il graphic novel di colui che è stato definito il Gipi dell’ultima generazione è uscito in Italia nel settembre 2018 riscuotendo da subito grandissima attenzione, manifestata anche in occasione del Lucca Comic&Games 2018, dove Jérémie Moreau è stato ospite d’onore con una mostra personale dal titolo “Movimento costante”.

Anche l’edizione 2019 del Festival d’Angoulême si soffermerà sull’artista francese. A La Saga di Grimr infatti sarà dedicata un’importante e imponente mostra. Così si legge sul sito del Festival:

Nel gennaio 2018, e per la terza volta in meno di 15 anni, Jérémie Moreau ha ricevuto il premio “Fauve d’Or” del Festival d’Angoulême. Quest’anno, il Festival terrà una grande mostra per celebrare la sua prolifica carriera artistica e professionale.

Ebbene sì, per la terza volta. Perché la storia di Jérémie Moreau e del Festival risale alla fanciullezza dell’artista, quando a 8 anni partecipò al concorso scolastico di fumetto del Festival, e continuò a parteciparvi ogni anno fino a quando non vinse il premio nel 2005. Al 2012 invece risale la vittoria del premio “Jeunes Talents“, dedicato ad autori professionisti inediti.

Ma la vera ascesa alla fama del giovane autore è avvenuta nel gennaio 2018 con “La Saga di Grimr”, un’epopea tragica e potente su un giovane orfano che sogna di diventare un eroe leggendario. Jérémie Moreau utilizza l’acquerello per sublimare gli scenari abbaglianti di questo fumetto ispirato alla saggezza islandese, vincitore del Premio Fauve d’Or del Festival per il miglior album. Quest’anno, al Festival di Angoulême, il giovane artista brillante e determinato è destinato a raggiungere le stelle.



Fonte: http://www.bdangouleme.com/1355,la-saga-de-jeremie-moreau
WhatsApp chat