Posted on

Tunuéweek | Tutti gli eventi dal 20 al 26 novembre

Tunuéweek: tutti gli incontri, le presentazioni e gli eventi

dal 20 al 26 novembre

Presentazioni, incontri e firmacopie

.

.

22 NOVEMBRE

24 NOVEMBRE

Festival

.

 

TUNUÉ AL FESTIVAL INTERNAZIONALE NUES FUMETTI E CARTONI NEL MEDITERRANEO – SFIDE (STRA)ORDINARIE – CAGLIARI

 

 

Vi aspettiamo!

 

Posted on

LuccaCG18 | Ospiti internazionali – Kalina Muhova a Lucca Comics&Games 2018

Kalina Muhova al Lucca Comics&Games 2018!

I suoi incantevoli disegni ci hanno trascinato nelle profondità dell’Oceano, insieme a Capitan Occhioblu, per vivere una di quelle avventure che si leggono tutte d’un fiato e che, una volta concluse, ci lasciano addosso la sensazione di essere appena tornati da un viaggio straordinario. Stiamo parlando di Kalina Muhova, la cui matita ci ha raccontato la storia di Sofia dell’Oceano, sceneggiata da Marco Nucci. Vincitrice del Premio Bartoli 2018 durante l’ultima edizione dell’ARF! Festival e ospite della mostra dedicata al graphic novel che si è tenuta in occasione del Treviso Comic Book Festival, Kalina tornerà in Italia per il Lucca Comics and Games 2018, per deliziare con i suoi sketch quanti ancora devono leggere le avventure della piccola Sofia, che, alta come un portaombrelli, è già entrata nel cuore di tantissimi lettori.

Presto le date e gli orari in cui potrete trovarla allo stand Tunué!

Bio

Nata a Sofia nel 1993, ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Collabora ed è fondatrice dell’autoproduzione a fumetti Brace. Nel 2017 pubblica, con Tunué, Sofia dell’Oceano, graphic novel che vede alla sceneggiatura Marco Nucci.

 

Segui tutti gli aggiornamenti su Tunué al Lucca Comics&Games 2018.

Posted on

Tunuéweek | Gli eventi dal 16 al 22 ottobre

Tunuéweek: tutti gli incontri, le presentazioni e gli eventi

dal 16 al 22 ottobre

 

Presentazioni, incontri e firmacopie

 

 

 

 

 

Posted on

LuccaCG18 | Selezione Gran Guinigi 2018

Selezione Gran Guinigi 2018

Lucca Comics and Games segna l’appuntamento con uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama fumettistico italiano: stiamo parlando dei Gran Guinigi, riservati a quelli che sono i migliori fumetti pubblicati nel corso dell’anno. È stata annunciata la selezione dei trenta titoli candidati al premio e siamo davvero felici di vedere, nella categoria Miglior graphic novel, due nostri libri amatissimi:

Complimenti ai nostri bravissimi autori da parte di tutta la redazione Tunué!

Segui tutti gli aggiornamenti su Tunué al Lucca Comics&Games 2018.

,

 

 

Posted on

Parola di copertina | Marco Nucci racconta “Skull”

Marco Nucci racconta Skull

Una copertina deve sintetizzare lo spirito di un libro. Vale per i romanzi, e vale per i fumetti. Vale anche per le Enciclopedie di zoologia, che spesso in copertina hanno delle tigri giganti o degli aironi con lo sguardo stralunato, e quindi si capisce subito che sono libri che parlano di animali. Ma non divaghiamo. Ebbene, “Skull”, l’orrorifico progetto mio e di Giovanni Nardone, vede nella propria copertina il perfetto riflesso delle pagine interne. In prima istanza, perché ne raccoglie tutti gli elementi essenziali, presentandoli in una sorta di illustrazione da gioco enigmistico, piena di particolari da scoprire e messaggi nascosti. Ma soprattutto, e di questo andiamo molto fieri, perché non presenta grafiche lavorate in post produzione, ma… è fatta tutta mano (non copia per copia, ma direi che ci siamo capiti). Proprio come l’interno, in cui il colophon, il lettering, le dediche, addirittura il logo della Tunué sono stati disegnati dal buon Nardone (che quando ha saputo che questo articolo sarebbe stato pubblicato con font digitale si è rifiutato di scriverlo). Per farla breve, niente di ciò che vedrete nel libro è stato prodotto da un calcolatore elettronico, ma è tutta farina del sacco di Giovanni. A partire per l’appunto dalla copertina, che si sviluppa fino alla quarta, passando attraverso il temibile valico della costa, e gli imprevedibili fossati delle canalette, visto che è cartonato. All’interno ci troverete mantidi, barattoli di sugo al pomodoro, pallottole, cruciverba, articoli complottisti e altra roba che vi lascio il dispiacere di scoprire da soli. Si tratta di una cover dai colori cupi, perché “Skull” è un lavoro cupo, con improvvise aperture ai colori acidi, perché “Skull” è un lavoro pure un po’ acido. Dettagli tecnici: Giovanni ha lavorato a china, la colorazione è digitale. Lo so, avevo detto niente calcolatori elettronici. Beh, un po’ vi ho mentito: e questo perché “Skull” è anche un lavoro menzognero. Ma si sa, la verità talvolta è costretta a passare dal temibile valico delle bugie, e dai temibili fossati delle mezze verità. Cosa ci volete fare?
Auguro buona lettura a tutti, perché oh, mica c’è solo la copertina!

Marco Nucci

Il libro:
.
.