Posted on

Quello che sarà #5 | Il 2019 di Tunué | Nellie Bly

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.19.4″][et_pb_row _builder_version=”3.19.4″][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.19.4″][et_pb_image src=”https://www.tunue.com/wp-content/uploads/2019/01/Copia-di-Quello-che-sarà-_-Nellie.jpg” align=”center” _builder_version=”3.19.4″ max_width=”59%”][/et_pb_image][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.19.4″][et_pb_row _builder_version=”3.19.4″][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.19.4″][et_pb_text _builder_version=”3.19.4″]

| Collana «Ariel»

Con prefazione del giornalista David Randall

La vera storia di Nellie Bly, nata a New York nella seconda metà dell’Ottocento, prima donna giornalista a occuparsi di cronaca. Un libro-intervista che racconta la vita di una donna diventata icona, letta tramite il confronto con una giovane che vuole intraprendere la stessa carriera. Il confronto con l’aspirante giornalista rievoca nella ormai anziana Nellie i ricordi di tutte le sue avventure professionali, da quando si finse pazza e si fece internare per portare avanti un’inchiesta su un manicomio al giro del mondo in settantadue giorni fatto in solitaria, cosa impensabile per una donna di quell’epoca. Nellie Bly fu una delle poche giornaliste che intervistarono Belva Ann Lockwood, prima donna candidata alle elezioni presidenziali nel 1884. In quegli anni nascevano le prime campagne pubblicitarie, molte di queste riportavano il volto della Bly. Luciana Cimino e Sergio Algozzino raccontano la straordinaria vita di una donna simbolo di un’epoca.

Luciana Cimino Giornalista. Vive a Roma. Ha lavorato per lunghi anni all’Unità e scritto per diversi giornali. Oggi si occupa di comunicazione e di qualità dell’informazione.

Sergio Algozzino Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti, ha pubblicato con Tunué: Dieci giorni da Beatle nel 2013, il racconto su Ozzy Osbourne, sceneggiato da Gianluca Morozzi, nella raccolta Hellzarockin’ nel 2012, e il saggio Tutt’a un tratto nel 2005. Nel 2014 esce il graphic novel di matrice autobiografica Memorie a 8 bit; nel 2016 il nuovo lavoro dal titolo Storie di un’attesa e nel 2017 Il piccolo Caronte con i disegni di Deborah Allo. Nel 2013 vince il Premio Francisco Solano Lòpez come “Miglior disegnatore”. All’attività di disegnatore e colorista affianca quella di insegnante presso varie scuole di fumetto.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.19.4″][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.19.4″][et_pb_text _builder_version=”3.19.4″]

Quello che sarà #1 | Il 2019 di Tunué | Licia Troisi

Quello che sarà #2 | Il 2019 di Tunué | Carol Swain

Quello che sarà #3 | Il 2019 di Tunué | Il maestro dei tappeti

Quello che sarà #4 | Il 2019 di Tunué | Daisy

Quello che sarà #6 | Il 2019 di Tunué | Ar-men

Quello che sarà #7 | Il 2019 di Tunué | Walt Whitman

Quello che sarà #8 | Il 2019 di Tunué | Morgana 

Quello che sarà #9 | Il 2019 di Tunué | Jo e i tre cappottini

Quello che sarà #10 | Il 2019 di Tunué | Matilde e i pirati

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]