Posted on

Perché festeggiamo il Premio Boscarato 2014!

Lo sapete, in attesa del Premio Boscarato stavamo incrociando dita, setole dello spazzolino, fili interdentali, cavi elettrici e quant’altro. Mentre eravamo a Treviso, e i nostri autori facevano schizzi, vi parlavano e facevano schizzi, incrociavamo ancora più forte. Alla fine ce l’abbiamo fatta: i premi ad Adriano Barone, Uno in diviso, come miglior sceneggiatore italiano, a Isaak Friedl, Sottobosco, come autore rivelazione, e a Stefano Turconi e Teresa Radice, Viola giramondo, come miglior fumetto per bambini/ragazzi, ci danno coraggio e voglia di fare, perché distillato di un lavoro che esprime il percorso, l’identità della nostra casa editrice. La giornata di ieri conferma che la letteratura può farsi fumetto, che l’intreccio tra diverse forme espressive sa generare nuova ricchezza e stimolo alla riflessione. Suggerisce che nel nostro paese ci sono talenti, alle volte giovanissimi, capaci di creare opere singolari nella forma e dense nel significato, e che mettere energie in una collana per bambini e bambini cresciuti, non è solamente un vero spasso, ma qualcosa di cui abbiamo bisogno. Quindi sì, festeggiamo in gran caciara e ringraziamo i nostri autori per essersi affidati a noi, e tutti voi, cari lettori, per averci dato man forte!

 

Giramondo