Marco Pellitteri, direttore scientifico della Tunué – Editori dell’Immaginario, è un sociologo dei media e dei processi culturali. Ha lavorato con l’università di Trento, il CERI di Parigi, l’Istituto IARD, l’AESVI. I suoi contributi si trovano in riviste nazionali e straniere, in libri collettanei e atti di convegni in Italia e all’estero.
Per Tunué dirige le collane di saggistica «Lapilli» e «Le virgole» e ha pubblicato, nella collana «Esprit», Il Drago e la Saetta: un’analisi sull’immaginario e sulla cultura pop giapponese e il modo in cui vengono recepiti in Italia. Un lavoro di ricerca importante e molto apprezzato, tanto da ricevere la sovvenzione della Japan Foundation per la traduzione in inglese e la distribuzione internazionale.

La cultura di ampio respiro, e un attento sguardo sul mondo, hanno portato Marco Pellitteri fino a Tel Aviv dove, il 16 maggio, parteciperà al secondo workshop su fumetto e politica: Comics, Censura e libertà di espressione.
La conferenza, ospitata dall’Università  Ben Gurion del Negev, offrirà una panoramica sul mondo del fumetto, e sul fumetto nel mondo e nella storia, presentando il difficile rapporto tra comics e politica attraverso quattro sessioni: il fumetto sotto i regimi non democratici e le minacce anti democratiche, il fumetto e alla censura, il fumetto sovversivo e di genere, soffermandosi poi sulla situazione in Israele.
Pellitteri  aprirà i lavori del workshop presentando la situazione del Fumetto in Italia sotto il regime fascista.

 

 

WhatsApp chat