Posted on

Gli autori Tunué a Lucca Comics and Games 2011

Autori a Lucca 2011

Anche quest’anno con noi tantissimi autori pronti ad  incontrare i lettori e per le session di dediche e disegni presso il nostro stand, Padiglione Napoleone, E 101 – 102.

Ospiti internazionali:

Paco RocaPaco Roca
(1969) Già a metà degli anni Novanta, si è fatto conoscere nel mercato spagnolo come un artista eclettico. Pubblica regolarmente per la rivista spagnola La Cúpula e ha già realizzato diversi graphic novel: Gog, Il gioco lugubre, Figli della Alhambra e Il faro (Tunué), alcuni dei quali sono stati tradotti in Francia e in Italia. Con Rughe – il  graphic novel che racconta la storia di Emilio, ex direttore di banca affetto dal morbo di Alzheimer e ricoverato in una clinica per anziani – ha ottenuto successi di critica e di pubblico in Francia, Spagna e Italia, e ha vinto numerosi premi tra cui: “Miglior fumetto spagnolo” per il Diaro de Avisos di Tenerife e quello come “Miglior opera e Miglior sceneggiatura al Salone internazionale del fumetto di Barcellona, “Miglior opera lunga” per il Gran Giunigi di Lucca Comics and Games 2008, “Premio nazionale di Spagna al Miglior fumetto 2008″. L’ultimo lavoro pubblicato con Tunué é L’inverno del disegnatore (2011).

 

 

 

 

 

David RubinDavid Rubín
(1977) Studia design grafico alla scuola di arte Antonio Faílde. Nel 2006 vince il primo Premio come miglior fumetto al festival de La Coruña e ottiene una nomination come miglior autore rivelazione al Salone internazionale del fumetto di Barcellona con la storia Dove nessuno può arrivare, pubblicata in Spagna e poi tradotta in Francia e in Italia (Tunué, 2007). Il suo graphic novel, La sala da tè dell’orso malese (Tunué, 2009) ha vinto il premio “Autore rivelazione” al Salone del Fumetto di Barcellona e i Premi della Critica 2007 nella categoria “Miglior opera dell’anno”. Nel 2011 è uscita la prima parte del mastodontico L’Eroe, opera in due tomi che analizza in chiave postmoderna la figura dell’eroe mitologico (Tunué 2011). Membro fondatore e disegnatore attivo del collettivo di autori di fumetto Polaqia, attualmente Rubín concilia il suo lavoro come autore di fumetto e illustratore con quello di regista di cinema di animazione per la casa di produzione Dygra Films.

 

 

 

 

Mathieu AkitaMathieu Akita

(1981) di origine franco-giapponese, nato a Tokyo. Dopo diversi anni a New York e in Messico, frequenta a Lione, con il fratello Julien, i corsi di illustrazione della scuola Émile Cohl.
Laureati nel 2004, Julien si lancia nel mondo dell’editoria per bambini (Bayard, Milan, Magnard, Excelsior), mentre Mathieu ha iniziato la sua carriera di game designer a Etranges (Astérix XXL2, Arthur et les Minimoys).
Questo con Istin, è il loro primo fumetto, Les aventures de Tom Sawyer, firmato in coppia.

 

 

 

 

 

 

E ospiti italiani:

Gud

(1976), Daniele “Gud” Bonomo, laureato in scienze politiche, di diploma alla Scuola Internazionale di Comics nel 2000, dove inizia ad insegnare, nel 2001, fumetto, scenografia per l’animazione e storia del fumetto. Dirige www.segnalidifumo.it e l’agenzia ComicsProvider.com che fornisce contenuti disegnati on demand per aziende e privati. Nel marzo 2005 ha pubblicato con la casa editrice Tunuè il saggio Will Eisner. Il fumetto come arte sequenziale. Ha illustrato Il grande libro per i bambini cattivi (che diventeranno buoni), Newton Compton Editori. Per Tunuè nel 2007 pubblica Gentes, raccolta di storie brevi a fumetti, e nel 2009 il graphic novel Heidi Mon Amour. Dal 2009  è co-curatore con Sergio Badino della rivista semestrale Mono. Ha pubblicato nel 2011 Gaia Blues, una romantica storia d’amore tra gli orsi e la Terra (Gaia) in un fumetto senza parole che si legge a ritmo di blues.

 

 

Michele Petrucci

(1973) Nato nelle Marche, dove vive. Ha pubblicato i fumetti Keires (Innocent Victim, 1999), Sali d’argento (Innocent Victim, 2000), Numeri (Magic Press, 2003) e, insieme a Giuseppe Camuncoli su testi di Gianluca Morozzi, Il vangelo del coyote (Guanda, 2007). Nel 2001 ha illustrato il volume I giochi della morte (saldapress) su testi del poeta Mario Corticelli e il primo volume della maxiserie FactorY (Fernandel) su testi di Gianluca Morozzi. Vincitore dei premi «Nuove Strade» (2002) e «Attilio Micheluzzi» per la sceneggiatura di Metauro (2009) al Napoli Comicon.  I suoi libri sono tradotti anche in Francia e negli Stati Uniti. Il suo ultimo graphic novel è Il brigante grossi e la sua miserevole banda. Una cronaca disegnata delle gesta criminali di Terenzio Grossi durante l’epoca risorgimentale (Tunué 2011).

 

 

Andrea Ferraris

(1966) Genovese, apprezzato autore Disneyano, disegna da molti anni storie di Paperi e Topi. Dopo aver vissuto qualche anno a Barcellona si trasferisce a Cagliari dove vive, con la sua famiglia, a un passo dal mare. Realizza con Giacomo Revelli “Bottecchia” epopea del ciclista Ottavio Bottecchia, primo italiano a vincere il Tour de France. La passione per il ciclismo arriva dal nonno, con il quale, da ragazzino, seguiva alla televisione le tappe del Giro e del Tour.

 

 

 

Fiato Sospeso - Vecchini - SualzoSualzo
(1969) al secolo Antonio Vincenti,  è autore e illustratore. Sassofonista mancato, disegnatore autodidatta, dall’inizio degli anni Novanta collabora con “Il Corriere della Sera” e “Il Corriere dell’Umbria”. I suoi libri sono stati pubblicati in tutto il mondo. Con il graphic novel L’improvvisatore (Rizzoli-Lizard), firmato con lo pseudonimo di Sualzo, ha vinto il premio per la migliore sceneggiatura del Festi’BD di Moulins 2009 ed è stato tra i cinque finalisti del Premio Micheluzzi 2010.

 

 

 

guardami più forteLuca Russo
(1974), frequenta la Scuola Internazionale di Comics. Dopo un tirocinio presso la Cartoon School (Roma) di Paolo di Girolamo, si cimenta nella produzione umoristica (3D6 e Play Press edizioni). Si perfeziona presso lo studio del fumettista Fabrizio Faina, che lo introduce al mercato francese. Fonda l’Explosiveink collaborando prima con lo Studio Leonett e poi con l’agenzia Ex Libris. Nel 2003  inizia a pubblicare a suo nome, disegnando per l’Eura editoriale, insieme a Massimiliano Notaro, il numero 15 di John Doe dal titolo Pestilenza. Per la stessa casa editrice, realizza periodicamente racconti per i settimanali di fumetti LanciostorySkorpio. Nell’aprile 2007 esce il suo primo graphic novel dal titolo (in)certe stanze, da un idea di Pasquale M. Napolitano e scritto da Cristiano Silvi (Tunué). Il suo secondo graphic novel per la Tunué, Guardami più forte, lo vede questa volta anche coautore del soggetto insieme a l’amico e collega Cristiano Silvi. All’attività di fumettista, affianca quelle di pubblicitario (Rai-Mondadori) e di insegnante di fumetto e illustrazione presso la Scuola Italiana di Comix di Napoli.

 

Cristian Di Clemente

(1975), abruzzese di origine, ha vissuto qualche anno in Germania per poi fare ritorno in Italia, vivendo tra Roccamontepiano (CH), Chieti e Roma. Attualmente dedica la sua vita al fumetto e alla musica, con la band Nuda veritas. Ha illustrato libri per bambini e per le scuole elementari lavorando per la Tinari Editore (CH); come vignettista, invece, ha pubblicato per il Messaggero Abruzzo. È coordinatore di laboratori di fumetto per scambi culturali per la comunità europea, e ha pubblicato sulla rivista X-Comics (Coniglio Editore). Insegnante di fumetto della Scuola internazionale di comics di Chieti dal 2001 e di Pescara dal 2008.


Stefano Piccoli

(1970) detto S3keno, giornalista musicale, creativo, illustratore, autore di fumetti e grafico. Ha fondato e diretto il mensile BIZ Hip Hop Magazine per le Edizioni Magic Press e la testata web Blackmagazine.it per il network giornalistico Nexta Media; collabora al settimanale Vanity Fair e al mensile Rockstar. E’ stato art director dei noti brand di abbigliamento giovanile Pickwick ed Onyx. Lavora con il Gruppo Cartorama, curando la creatività di prestigiose linee scolastiche e cartotecniche Disney e Fiorucci. Dal 1993 è creatore del Massacratore, icona del fumetto indipendente italiano. Ha pubblicato per Comic Art, Play Press Publishing ed Eura Editoriale (nel 1998 sul settimanale  Skorpio oltre ad essere stato uno dei fondatori del marchio Factory.Nel 1997 pubblica, per l’indipendente Five Stars Press , B-boyz, fumetto in due parti imperniato attorno alla cultura ed al mondo hip hop. Riveduto e ricomposto in un unico volume con tavole inedite viene intitolato Roots 66 e pubblicato, nel 2009, da Tunué.

 

Paola Cannatella

(1979) Paola Cannatella Ha vinto il concorso «Fumetto International – Talent Award» (La Triennale di Milano, 2006). Il suo esordio per Tunué avviene con un intenso graphic novel di impianto realistico Inchiostro di Jack. Il nuovo Prospettive rappresenta un salto di qualità e una conferma delle capacità narrative dell’autrice. Tutti e due i graphic novel sono ambientati a Catania, terra natale di Paola.

 



Niccolò Storai

(1978) fumettista e animatore, vive e lavora a Prato. Ha pubblicato sulle riviste  “Heavy Metal” (USA), “FornoMagazine” (Israele), “Mono” (Tunué), e collabora in qualità di colorista a “Il Giornalino”. Assieme agli animatori Riccardo Corsi e Marco Morresi ha fondato lo studio di animazione Dramph, che realizza cartoni animati e commercial televisioni nazionali e locali.